“Kiyine è un buon giocatore, che può risolvere la partita con un calcio piazzato e sa tirare i rigori. In A non ha trovato la sua dimensione, a Salerno evidentemente è diverso. Quanto al mercato, ho sempre pensato che a gennaio sia riduttivo e sbagliato immaginare possa essere la soluzione a tutti i problemi. Molte squadre addirittura si indeboliscono, bisogna sempre stare molto attenti ed esprimere giudizi equilibrati ricordando anche il difficile momento che il Paese e il mondo del calcio stanno vivendo a causa della pandemia. Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare La Mantia, il grandissimo colpo fatto dall'Empoli esattamente un anno fa. Era reduce da 17 gol e dalla promozione con il Lecce. Tutti erano convinti che i  toscani avrebbero vinto a mani basse il campionato, invece sono usciti al primo turno dei playoff e lui ha segnato appena due gol.  Fu un fallimento clamoroso e questo dovrebbe essere da insegnamento. Mi rendo conto che i tifosi hanno fame di mercato e di notizie, sia in estate sia in inverno, ma nessuno ha la bacchetta magica. La Salernitana ha espresso valori importanti, se aggiungi Kiyine e gente che viene dalla A significa che ti sei rinforzato e puoi giocarti la promozione diretta fino all’ultima giornata. Il lavoro di Castori è sotto gli occhi di tutti, ma è chi deve retrocedere a  dover investire per evitare il salto all'indietro. La Salernitana ha primeggiato perché ci sono equilibri nello spogliatoio e un tecnico con straordinaria esperienza, che ha vinto 9 campionati in carriera. Se fossi tifoso della Salernitana avrei fiducia in questo tipo di lavoro". Così il giornalista Sky Daniele Barone intervistato da Telecolore. Un'analisi equilibrata e competente e un messaggio a tutti i supporters di fede granata.

Sezione: News / Data: Mar 26 gennaio 2021 alle 13:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print