Prima la presunta accusa di combine e poi l’addio (forzato) all’Hatayspor, non è certamente un momento semplicissimo per Jean-Claude Billong. Secondo i media turchi l’ex difensore di Benevento e Salernitana sarebbe finito sotto l’occhio del ciclone complice l’operato del Galatasaray che avrebbe chiesto alla Federazione nazionale e alla Uefa di indagare sulla vittoria per 7-0 del Besiktas ottenuta contro l’Hatayspor (Besiktas che ha poi vinto lo Super Lig grazie alla migliore differenza reti proprio rispetto al Galatasaray). In quella circostanza Billong non fu protagonista di una grande partita, tanto da restare negli spogliatoi al termine del primo tempo (5-0 il punteggio in quel momento) e non giocare poi le ultime tre gare di campionato. Secondo le accuse mosse il difensore nelle settimane precedenti alla gara avrebbe incontrato il connazionale Aboubakar, attaccante del Besiktas, che gli avrebbe promesso di intercedere per la convocazione nella Nazionale camerunense. Convocazione che poi è realmente arrivata al termine della stagione, oggi è infatti impegnato in una serie di amichevoli, ma questa è l’unica notizia positiva per Billong che di recente si è ritrovato costretto a salutare l’Hatayspor nonostante un altro anno di contratto: “Abbiamo mandato via Billong. Si è fatto un tatuaggio sulla gamba il giorno prima della partita col Besiktas: quando è così, la gamba fa male e occorre mettere una crema. Se ha voltato le spalle a ogni pallone è perché aveva questo problema. Ha sbagliato posizionamenti e non solo – ha dichiarato il presidente del club Lütfü Savaş -. Non voglio che un giocatore del genere resti nella mia squadra. L’ho già detto al direttore e all’allenatore sportivo: ‘mandiamolo via’. Sulle accuse fatte, non so nulla”.

Sezione: News / Data: Gio 10 giugno 2021 alle 19:30 / Fonte: DerbyDerbyDerby.it
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print