Era nell'aria da tempo, ora è anche ufficiale: Gabriele Gravina è stato riconfermato alla guida della FIGC e proseguirà il suo lavoro anche nelle prossime stagioni portando avanti, si spera, quella riforma annunciata da molto tempo ma che è stata puntualmente rimandata a data da destinarsi. Dalle squadre B al Var in cadetteria, dai criteri per l'iscrizione alla suddivisione della serie B in due gironi: sono tante le proposte sul suo tavolo, compresa quella di discutere nel dettaglio del famoso tema della multiproprietà. Sotto questo aspetto la presenza di Claudio Lotito nel Consiglio Federale rappresenta una buona notizia: Mezzaroma è out dalla Lega B e c'era necessità che la Salernitana avesse un minimo di voce in capitolo anche in questo famoso Palazzo che troppo spesso ha penalizzato il cavalluccio marino. "Affronteremo seriamente il problema, magari interagendo anche con la politica" disse a novembre, oggi però il Ministro dello Sport è decaduto e c'è un interlocutore in meno. Non è da escludere che la FIGC possa accettare la proposta di un pool di avvocati e commercialisti che, tempo fa, chiese una sorta di assunzione di responsabilità. Per la serie "se dai l'ok a partecipare non puoi vietare di vincere". Con la Salernitana (o il Bari) in A, dunque, la FIGC si farebbe carico del club qualora, scaduti i trenta giorni previsti per il passaggio di consegne, nessuno avesse acquistato la società. La sensazione è che i tempi per una decisione non saranno brevissimi e solo la promozione in A dei granata darebbe l'accelerata necessaria. 

Sezione: News / Data: Lun 22 febbraio 2021 alle 16:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print