La dura legge dell’ex. Se c’è una regola non scritta ma rigorosa, nel calcio, è proprio quella degli attaccanti alla ricerca del gol contro le squadre del passato. Così Milan Djuric va alla caccia della prima rete stagionale nella trasferta di Trapani, che sembra prendere ora dopo ora le sembianze della seconda investitura da titolare in questo campionato. La prima volta capitò a Cosenza con una prova di sostanza ma avara di soddisfazioni personali, compensate però dal colpo da tre punti firmato Firenze. Domenica al “Comunale” di Erice sarà verosimilmente lui a guidare l’attacco, contro un Trapani attualmente in grandissima difficoltà e affamato di punti scaccia-crisi. Una maglia, quella della società siciliana, vestita per sei mesi da Djuric nel 2013, quando nella prima parte di stagione realizzò quattro gol in 15 partite prima di trasferirsi al Cittadella. Troppo poco per lasciare il segno nel cuore dei tifosi. Ventura si affiderà al gigante bosniaco per sostituire un altro ex, prossimo ad alzare bandiera bianca e saltare la lunga e faticosa trasferta sull’isola. Perché il problema al ginocchio sinistro che perseguita Lamin Jallow mette a serio rischio la presenza del gambiano nel rendez-vous con la società che lo ha visto segnare i primi tre gol nella sua carriera in serie B nella stagione 2016/2017.

Sezione: News / Data: Ven 20 settembre 2019 alle 12:00 / Fonte: La Città
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print