Settimo risultato utile consecutivo portato a casa dalla Salernitana. Un punto guadagnato (forse) che conferma la solidità mentale e tattica della squadra granata. Dopo il triple fischio mister Castori si è presentato in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti. 

Ecco le parole del tecnico marchigiano: "Abbiamo disputato una partita di spessore. Nel primo tempo siamo riusciti a contenere e a limitare la Reggiana, che ha cominciato spingendo tanto. Nella seconda parte, invece, abbiamo giocato soltanto noi: siamo cresciuti dal punto di vista fisico e questo conferma quanto si è visto anche ad Ascoli. Poi c'è un episodio dubbio, ovvero il gol di Tutino. Djuric è un calciatore di due metri e quando salta non ha bisogno di spingere l'avversario, loro si aggrappano e di solito, come stasera, gli arbitri fischiano una punzione favore. Non voglio però parlare di questo, ne prendiamo atto e andiamo avanti. Un po' di amaro in bocca per il pareggio c'è, ma va bene così: nelle ultime due trasferte siamo riusciti a portare a casa quattro punti e non è poco. La cosa più importante è che siamo usciti dal campo senza squalificati. 

La squadra ha dimostrato tanta personalità ed ha gestito bene tutti i novanta minuti. Insomma abbiamo interpretato la partita come l'avevamo preparata durante la settimana. Quello che più conta è che cresciamo durante la gara e questo significa che abbiamo un'eccellente condizione atletica. Oggi ci è mancato soltanto il gol. Vogliamo restare in alto in classifica fino alla fine: questo è un campionato tosto ed equilibrato. Già avere una continuità di rendimento è tanta roba. Svolta? Ripeto abbiamo portato a casa quattro punti nelle ultime due trasferte, contro Ascoli e Reggiana. Entrambe venivano da momenti positivi. Cicerelli? Dopo il brutto periodo che abbiamo passato avevamo bisogno di un certo tipo di quadratura tattica e alcuni calciatori di 'squilibrio' questo non la garantiscono. Però sono importanti da mettere dentro a partita in corso. Non so se cambierò interpreti martedì, vedremo: mancano ancora tre giorni. Siamo pronti per lo sprint finale e ben vengano i nuovi arrivati perché prima o poi ci serviranno tutti. Ho scelto Gondo perché meritava la conferma dopo la buona prestazione di Ascoli, ma anche stasera ha fatto bene. Capezzi sta disputando un ottimo campionato, speriamo mantenga questa forma".

Sezione: News / Data: Ven 26 febbraio 2021 alle 21:42
Autore: Orlando Aita / Twitter: @OrlandoAita1992
Vedi letture
Print