Tra le prime otto squadre del torneo cadetto la Salernitana è quella che ha segnato di gran lunga di meno. Venti gol meno della capolista Empoli, ventotto meno del Lecce e nove meno del Monza. Pochi gol ma pesanti, quel che conta di più, ma certamente l'attacco granata si è mostrato fin qui poco ispirato. Per attacco, tuttavia, va intesa l'intera fase offensiva della squadra e sarebbe errato gettare la croce interamente sul del reparto offensivo che, a onor del vero, non sta sfigurando, con 18 gol realizzati dei 33 complessivi. A mancare sono soprattutto le reti dei centrocampisti, il cui apporto in zona gol è sempre fondamentale per una squadra: non è un caso che gli uomini di Castori, con appena 7 gol arrivati dalla mediana (peggio hanno fatto solo Frosinone e Pordenone), siano una delle squadre che è andata meno a bersaglio col suo centrocampo. Una mediana solida, certamente, come certificano anche i formidabili numeri difensivi, ma al tempo stesso carente in qualità. Forse il vero e unico tallone d'Achille della banda Castori, che in ogni caso rappresenta un gruppo solidissimo che sta dando grandi soddisfazioni ai tifosi granata. 

Sezione: News / Data: Gio 08 aprile 2021 alle 21:00
Autore: Valerio Vicinanza
Vedi letture
Print