SALERNITANA: si pensa alla ripresa dell’attività prevista per lunedì. Le ultime

23.05.2020 20:30 di TS Redazione   Vedi letture
Fonte: Le Cronache
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com
SALERNITANA: si pensa alla ripresa dell’attività prevista per lunedì. Le ultime

La Salernitana oggi dovrebbe iniziare con i tamponi e i test sierologici. Dopo aver licenziato nella giornata di ieri i dott. D'Alessandro e Di Leo, il club si è subito attivato per cercare di rifondare subito lo staff medico. Ingaggiato Epifanio D’Arrigo, ex medico del Sorrento, che diventa il nuovo responsabile sanitario del club granata. Lunedì ci sarà la ripresa degli allenamenti individuali. Ieri alle società è stato inoltrato anche il nuovo protocollo con tutte le indicazioni obbligatorie da seguire. La società si è già attrezzata anche perchè c’è una responsabilità penale, oltre ovviamente alla tutela di tutti i tesserati. 

Stipendi. La vicenda degli stipendi riguarda tutte le società e ovviamente anche i granata. La Salernitana, come tanti altri club del campionato cadetto, non ha raggiunto nessun accordo con i propri tesserati. Una situazione che certamente non fa felici anche i calciatori della Salernitana, ma comunque si continua a trattare. L’Aic ha già tuonato soprattutto dopo il consiglio federale che è parso quasi un assist alle società. La FIGC ha permesso l’iscrizione al prossimo campionato anche ai club che non dovessero pagare di stipendi di marzo e aprile. Se i giocatori non saranno d’accordo, si aprirà un contenzioso ma non ci saranno limitazioni alla partecipazione al torneo. Infatti ai club basterà dimostrare di aver aperto il contenzioso per avere il via libera per l’iscrizione ai prossimi campionati professionistici. A questo si aggiunge la deroga sui pagamenti dello stipendio di maggio da saldare entro fine agosto. La paura dei giocatori è chiara: esiste la possibilità di giocare fino al 31 agosto intascando però un solo stipendio. del periodo marzo-agosto. Il presidente della Figc ha definito assurdo uno sciopero dei calciatori ed obiettivamente è una situazione che difficilmente potrà verificarsi. Sicuramente, però, la situazione è davvero poco chiara . Una serie di spine quindi sulla strada di una ripresa di attività che appare ostinata e voluta solo dai dirigenti. non certo dai tifosi.Anzi, proprio i tifosi, il cui ingresso allo stadio sarà naturalmente interdetto, sembrano quelli meno interessati alla conclusione di questa stagione.