Salerno-Reggio e ritorno, potrebbe intitolarsi così la sfida che andrà in scena lunedì sera al "Granillo" tra i Salernitana e Reggina, legate non soltanto dalla famosa autostrada ma anche da uno storico gemellaggio. Si è giunti al cosiddetto giro di boa, dove ritroviamo una squadra decisamente diversa rispetto a quella che aveva affrontato a fine settembre i calabresi allo stadio Arechi. Non tanto negli uomini, visti i pochi arrivi sul mercato di gennaio, quanto piuttosto nella testa: i granata hanno acquisito decisamente più consapevolezza nei propri mezzi, grazie a un terzo posto in classifica che era difficilmente preventivabile. Quella che scenderà in campo lunedì è una squadra decisamente più matura e rodata rispetto a un girone fa, quando erano troppi i dubbi e poche le certezze. Siamo soltanto a metà dell'opera, il difficile inizia adesso. Innanzitutto gli uomini di Castori devono vincere per mantenere quota, ma anche per ritrovare il successo esterno dopo due trasferte disastrose contro Monza ed Empoli.  

Sezione: News / Data: Mar 26 gennaio 2021 alle 21:00
Autore: Valerio Vicinanza
Vedi letture
Print