"La N e la G per molti rappresentano 2 lettere dell'alfabeto, per l'esattezza 2 consonanti. Per me queste 2 lettere rappresentano una sigla ,un acronimo che riecheggia nella curva da ben 30 anni,oltre che all'Arechi questa sigla è andata in giro per l'Italia e anche oltre il confine! Sono passati ben 30 anni da quell'8 ottobre ma la passione è sempre la stessa e forse ancora più forte. Da 30 anni sempre con quella tigre sullo striscione, hanno provato in tanti modi a seppellirci ma siamo riusciti a tornare sempre più forti! PROVATE A FERMARCI! 8 OTTOBRE 1990- 8 OTTOBRE 2020 AUGURI A NOI". E' questo uno dei tanti messaggi sul web atti a celebrare i trent'anni di attività della Nuova Guardia, storico gruppo della curva Sud che, da sempre, ha seguito la Salernitana in giro per l'Italia trascinato da tanti personaggi rappresentativi e carismatici. Che sia in C1 con la palla di pezza, in serie D per Salerno Calcio-Boville o all'Olimpico di Roma la passione è stata sempre la stessa, tramandata alle nuove generazioni in nome di un grande senso d'appartenenza per la città di Salerno. Nel mezzo innumerevoli iniziative di solidarietà e beneficenza, la volontà di costruire un futuro importante per la curva in nome del dialogo e del rispetto reciproco e la meravigliosa notte regalata ai salernitani a cavallo tra il 18 e il 19 giugno del 2019, in uno scenario da brividi e con migliaia di persone con le lacrime agli occhi per il centesimo anniversario della Bersagliera. Anche per loro non sono giorni semplicissimi, tra diffide e diserzioni dettate dalla contestazione nei confronti della multiproprietà, della società e della dirigenza. Ma sono pronti a tornare quanto prima sugli spalti, con il cuore che batterà sempre per la Salernitana. A prescindere da tutto. In nome di quel pallone che continua a rotolare solo grazie alla passione degli ultras. 

Sezione: Tifo granata / Data: Gio 08 ottobre 2020 alle 13:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print