Vi abbiamo parlato qualche settimana fa della costante presenza del tecnico Ezio Capuano nella sede della Salernitana a Pontecagnano. Ufficialmente per trascorrere un po' di tempo con l'amico Angelo Fabiani, in realtà voci di corridoio parlavano con insistenza e cognizione di causa della possibilità di trasferire ad Avellino alcuni calciatori che potevano tornare utilissimi in serie C in caso di mancata promozione attraverso gli spareggi. Il mister, però, ci tenne a smentire categoricamente trattative con i vari Vannucchi, Odjer e Kalombo, un modo anche strategico per trasmettere fiducia al gruppo a poche ore dalla sfida playoff con la Ternana. Oggi pomeriggio, però, per Capuano il fulmine a ciel sereno: l'Avellino, infatti, ha deciso di esonerarlo nonostante un rinnovo contrattuale scattato automaticamente e....meritatamente. Ricordiamo, infatti, che il trainer di Pescopagano aveva accettato la panchina irpina in un momento di grandissima crisi societaria firmando praticamente in bianco e per pochi euro, tutto mentre la tifoseria intonava cori contro di lui invitandolo ad andare via. Nel tempo Capuano ha trasformato fischi in applausi rivitalizzando il gruppo e rilanciando gente come Garofalo, Parisi e Charpentier. Tutti nel mirino della Salernitana, ma anche di club di categoria superiore. Un addio nell'aria da tempo, a quanto pare frutto della volontà di puntare su una guida tecnica più abituata a competere per i quartieri alti della classifica. Automaticamente, però, ogni possibile operazione con la Salernitana può considerarsi decaduta. 

Sezione: Mercato / Data: Mar 07 luglio 2020 alle 23:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print