MERCATO: un club di A su Cicerelli

13.09.2020 23:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Carlo Giacomazza/Tuttosaleritana.com
MERCATO: un club di A su Cicerelli

Mentre mister Castori aspetta i rinforzi necessari per vivere una stagione senza affanni e possibilmente da protagonisti, c'è un gruppo che si è allenato con grande entusiasmo e professionalità in quel di Sarnano pur consapevole che  a breve si materializzerà l'ennesima rivoluzione dell'era Lotito-Mezzaroma. Molti giocatori hanno la valigia pronta: da Giannetti a Jallow, da Migliorini a Maistro senza dimenticare che tutti i giovanotti della Primavera potrebbero essere a breve convocati dal tecnico Antonio Rizzolo  per preparare la prossima stagione. Solo Gioacchino Galeotafiore, corteggiato in serie C e a caccia del primo contratto tra i professionisti, nutre speranze di restare in pianta stabile in prima squadra, meritato riconoscimento per un ragazzo di grandissima prospettiva e che, in amichevole, si è ben comportato a cospetto di gente come Vantaggiato e Torromino. 

In un contesto ad ora caotico e suscettibile di variazioni da un momento all'altro, una delle poche certezze è rappresentata da Emanuele Cicerelli. Il centrocampista, provato e riprovato anche in veste di mezzala (come accadeva a Foggia con mister Grassadonia), ha accettato immediatamente di restare a Salerno "perchè sono molto legato alla maglia granata e a una tifoseria che fa la differenza. Il contratto con la Lazio è solo un qualcosa di burocratico, una sorta di riconoscimento per il lavoro che ho svolto. Ma non avrò nessun problema a proseguire la mia avventura con la Salernitana". L'anno scorso soltanto qualche problema fisico gli ha impedito di essere un titolare inamovibile, ma stiamo parlando di un elemento quantomeno paragonabile a Cristiano Lombardi e che, in B, fa assolutamente la differenza. Non a caso in queste ore c'è stata una nuova richiesta ufficiale del Parma, ma l'ex Paganese è incedibile. In attesa dei rinforzi la Salernitana si gode uno degli esterni migliori e finalmente valorizzato dopo i primi anni da riserva o pedina di scambio.