JUVE STABIA - Ferrara: "I granata hanno un blasone invidiabile, sono nato calcisticamente a Salerno"

18.11.2019 21:00 di Valerio Vicinanza   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
JUVE STABIA - Ferrara: "I granata hanno un blasone invidiabile, sono nato calcisticamente a Salerno"

A pochi giorni dall'atteso derby dell'Arechi tra Salernitana e Juve Stabia, che si incontrano in cadetteria dopo quasi settant'anni, ha parlato oggi in conferenza stampa il grande ex di turno Ciro Ferrara, attuale viceallenatore delle vespe che vanta trascorsi da calciatore con la maglia granata. L'ex difensore si è così espresso in sala stampa a proposito del derby: "Sappiamo di dover dare il massimo in ogni partita, questo sarà il filo conduttore che ci porterà alla salvezza, ma sappiamo anche che la Salernitana ha un blasone invidiabile, vorrà venire a far della Juve Stabia un sol boccone: sono costruiti per vincere, hanno uno dei migliori tecnici degli ultimi anni, ma se corriamo più loro e lottiamo su ogni pallone potrà anche uscire un buon risultato per noi. Il derby è sicuramente molto sentito, mi auguro però che in campo ci sia correttezza e in campo grande spettacolo: deve essere una festa calcistica".

Sui suoi trascorsi a Salerno: "Calcisticamente sono praticamente nato a Salerno, ho vissuto tanti episodi positivi e negativi di quella storia, anche una retrocessione avvenuta non sul campo dopo uno spareggio a Pescara contro il Cosenza, ma mi ha dato tanto. Però oggi sono alla Juve Stabia, e come tutti tirerò fuori gli artigli perché i punti ci servono. A Salerno sono calcisticamente nato, ho giocato per 8 anni, ma oggi lavoro per la Juve Stabia da 3 anni, dove devo finire il lavoro e conquistare la salvezza con gli artigli".

Infine sul rendimento della squadra gialloblù: "Analizzerei più che altro le prestazioni. A Empoli abbiamo fatto una buona gara, in casa poi abbiamo lasciato troppi punti perché all'inizio siamo mancati di coraggio e sfrontatezza, non conoscevamo la categoria, ma ora abbiamo maggiori convinzioni ed esperienza, se lottiamo possiamo ottenere quello che cerchiamo: i risultati importanti arriveranno. Infortuni? Cerchiamo i recuperare il più possibile, qualcuno lavora ancora a parte ma abbiamo una settimana davanti: Buchel è in ritardo. vederemo più avanti come sarà la sua condizione valuteremo se portarlo con noi. Purtroppo, anche per esigenze tv, non possiamo contare su settimane standard, ma ora abbiamo tirato il fiato, siamo pronti a dare tutto"