Si dirà che “non erano campioni prima e non sono brocchi adesso”. Verissimo. Ma nel calcio i numeri hanno un valore e vanno letti per ciò che rappresentano. Quelli della Salernitana sono a dir poco allarmanti. Non tanto per le tre sconfitte consecutive e per la situazione di classifica (che tutto sommato resta ancora buona), quanto per la radicale involuzione che ha colpito il cavalluccio marino da Monza in poi. La squadra ch'era stata cinica e capace di colpire l'avversario al primo colpo non segna un gol da 315 minuti e ne ha incassati ben dieci dopo essere stata per settimane tra le difese bunker della cadetteria. Ma c'è di più: la Salernitana ha perso soprattutto quella cattiveria e determinazione che sembravano un tutt'uno con il carattere battagliero del suo allenatore. È pur vero che due delle tre sconfitte sono arrivate contro squadre costruite per vincere - e il divario sia in termini di gioco che di organici è stato schiacciante - ma a indispettire una tifoseria che stava iniziando a dar fiducia ai granata è il modo in cui sono arrivate. Praticamente mai in partita, la Salernitana ha messo in mostra tutte le sue carenze che, sicuramente, sarebbero potute essere di meno se solo si fosse intervenuti sul mercato con maggior solerzia e incisività. Pur volendo concedere l'attenuante della difficoltà di operare in un mercato che, per mille motivi (anche socio-economici), viaggia con le marce basse e nel quale girano sempre meno soldi, quel che preoccupa maggiormente è l'assenza di un progetto chiaro, di un obiettivo dichiarato da centrare. Eppure i risultati conquistati con cuore e determinazione nella prima parte di stagione avrebbero dovuto far ingolosire un po' tutti, aumentando la voglia di migliorare un organico che necessita di almeno quattro rinforzi di spessore per poter dire la sua tra le grandi della serie B. Il ko di Monza e i cinque "ceffoni" di Empoli lo hanno dimostrato a pieno. La Salernitana ha ancora due settimane di tempo per provare a rimediare e dimostrare di aver imparato la lezione...

Sezione: News / Data: Mar 19 gennaio 2021 alle 20:30 / Fonte: ottopagine
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print