Attacco al primato. Sorpassata (solo) dal Cittadella e raggiunta dal Monza, alle nove della sera di oggi la Salernitana va a casa dell’Empoli capolista con la suggestione d’agganciare la vetta. Impresa durissima, va da sé, e però dopo due sconfitte consecutive alla squadra di Fabrizio Castori si chiede una risposta importante al tramonto d’un girone d’andata fin qui sontuoso, al di là d’ogni reale previsione riavvolgendo il nastro a quattro mesi fa. Con l’eredità pesante di quella notte buia dell’Arechi, costata le espulsioni a Capezzi e Di Tacchio, granata oggi lanceranno subito dal 1’ l’unico volto nuovo arrivato dopo la riapertura delle liste di trasferimento. Nel 3-5-2 che Castori ha provato con insistenza negli ultimi giorni, infatti, il senegalese Colubaly sarà la mezzala destra d’un centrocampo in cui, per il resto, in tre si giocano due maglie. La sensazione è che Anderson sia quasi certo del posto come interno sinistro, mentre il grande ballottaggio - da 50/50 in partenza - pare tra Dziczek e Schiavone. Al netto di sempre possibili sorprese, per il resto la formazione della Salernitana che stasera sfiderà l’Empoli dovrebbe esser fatta: Aya, Gyomber e Mantovani nel terzetto difensivo a protezione di Belec; Casasola e Lopez sulle fasce; la coppia d’attacco Djuric-Tutino in avanti. È il miglior undici di cui oggi Castori può disporre, aspettando che - a stretto giro - dalla Lazio arrivino pure il terzino mancino Durmisi e il jolly di centrocampo Kiyine a elevare un po’ il tasso qualitativo d’un roster che fin qui ha fatto cose eccellenti, ma che per arrivare ai “miracoli” (sportivi, eh) ha bisogno d’innesti forti e possibilmente pronti (l’umanissima incognita sui due esuberi di Formello è proprio la “gamba”). Qualcosa andrà fatto pure in avanti, dove pure la leadership di Djuric e Tutino non è in discussione, ed è proprio da loro che si ripartirà stasera, magari confidando nella fame di gol da ex dell’attaccante partenopeo, protagonista un po’ mancato nella non indimenticabile seconda parte della scorsa stagione in Toscana.

Sezione: News / Data: Dom 17 gennaio 2021 alle 10:00 / Fonte: La Città
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print