ESCLUSIVA TS- Mantovani, tra infortunio e...mancato rinnovo. Non c'è ancora la firma

22.06.2020 13:00 di Gaetano Ferraiuolo   Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
ESCLUSIVA TS- Mantovani, tra infortunio e...mancato rinnovo. Non c'è ancora la firma

Proprio quando sembrava pronto per essere convocato, ecco che Valerio Mantovani si è fermato di nuovo. Uno stop complessivamente fisiologico per un ragazzo che non gioca da oltre un anno, che ad ottobre ha subito un delicato intervento in Finlandia, ma che approfittato dei tre mesi di sosta forzata per seguire un programma personalizzato che gli consentisse di essere a disposizione di mister Ventura. "I due calciatori in scadenza non sono stati convocati, la società dovrebbe fare chiarezza" hanno scritto in tanti sul web associando la mancata convocazione di sabato scorso a motivi extracalcistici. Lo status contrattuale del centrale scuola Torino, lo ricordiamo, impone un rinnovo entro il 30 giugno: viceversa non solo avrà la possibilità di firmare con chi vuole liberandosi a parametro zero, ma non potrà giocare le restanti partite. La proprietà lo sapeva, ma quel "lo stimiamo molto, è come un figlio e non ci saranno problemi" non è stato accompagnato da un incontro per sancire la permanenza a Salerno. Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di TuttoSalernitana, Mantovani sta meglio e non ha infortuni gravi. Chiaramente non ha i 90 minuti nelle gambe e gli manca il ritmo partita, ma anche Karo- tanto per fare un esempio- aveva vissuto una settimana tormentata sul piano atletico eppure era regolarmente in panchina. Qual è la verità? Il bollettino medico ufficiale parla di lavoro differenziato e individuale, ciò confermerebbe che non c'è in atto un infortunio quanto la volontà di restituirgli una condizione accettabile. Ma come potrà mai ritrovarla se non viene preso in considerazione? C'è davvero la volontà di blindare un patrimonio tecnico ed economico? L'auspicio è che ridursi all'ultima settimana non comporti divorzi immediati e improvvisi, allo stesso tempo è legittimo che la dirigenza chieda buonsenso nella trattativa dopo aver pagato regolarmente lo stipendio per un anno senza averlo a disposizione.