Doppio ex di Cittadella e Salernitana, Antimo Iunco è intervenuto tramite Skype alla trasmissione "SeiGranata" organizzata da TuttoSalernitana:

Che partita deve fare la Salernitana stasera dopo la brutta prova di Cosenza?

"In trasferta i granata hanno fatto bene, ma giocare a Cittadella è dura per tutti. Hanno vinto col Pisa dopo 2-3 risultati negativi e sarà una battaglia tra due squadre che puntano alla qualificazione playoff. Siamo agli sgoccioli, i punti diventano fondamentali. Interessante anche la sfida tra i due allenatori, con mentalità uguale e sistema di gioco differente".

E' squadra che può puntare alle prime due posizioni o il Lecce è troppo superiore alla Salernitana?

"Il Monza è protagonista, vuoi o non vuoi arriverà in alto perchè ha giocatori d'esperienza e una folta struttura societaria. Vedo però tante squadre che possono puntare alla vittoria, una vera e propria bagarre che sarà decisa dagli scontri diretti. Anche non perdere può essere importante".

Un giudizio su Tutino...

"Fa una bella coppia con Djuric, avanti possono fare bei casini. Sanno inventare la giocata in qualsiasi momento, credo che sia il tandem migliore per la Salernitana".

Perchè Castori usa poco i giocatori di qualità?

"Cicerelli lo conosco. E conosco anche Castori. Chi è molto tecnico fa un po' più di fatica con questo schema tattico, ma i più bravi risolveranno le partite perchè hanno giocate nelle corde che sono differenti da quelle degli altri. Troveranno poco spazio, il sistema di gioco prevede gamba per attaccare e applicazione in entrambe le fasi. Non sto dicendo che Castori non li reputi bravi, ci mancherebbe, ma ora c'è un equilibrio che non va toccato".

Pesa l'assenza del pubblico?

"Dipende molto dalle caratteristiche dei giocatori. Se mi fischiavano mi davano carica, c'è chi invece ha poi paura di fare un passaggio. E' una questione di carattere, strettamente personale e soggettiva. Certo, oggi l'Arechi avrebbe ospitato 10-15mila spettatori e non sono certamente pochi in questa categoria".

Salernitana da serie A?

"Secondo il mio punto di vista è una delle candidate, ma purtroppo ci sono dinamiche che reputo strane. Ci sono tante squadre in pochi punti, bisognerà sbagliare il meno possibile perchè non arrivi in cima se fallisci la partita decisiva. Senza continuità non vai da nessuna parte, vedo una Salernitana che viene meno proprio quando può fare l'allungo definitivo. Il campionato di B è lungo e logora un po', dico però che anche un pareggio può consentire di restare aggrappato al treno promozione. La vera forza deve essere mentale e non tecnica, per questo vedo un Monza più pronto a quello che io definisco "il massacro". La rosa è composta da gente che ha fatto competizioni internazionali. A Salerno ci sono pressioni maggiori, la testa deve rimanere sul campo altrimenti diventa molto difficile. Castori è un martello e darà un contributo".

Sezione: Esclusive TS / Data: Mar 16 marzo 2021 alle 13:00
Autore: Luca Esposito / Twitter: @lucesp75
Vedi letture
Print