"Bisogna fare i complimenti a tutta la squadra, alla società, a Castori e al suo staff. Un po' di tempo fa avevo pronosticato una Salernitana protagonista, ma la promozione diretta è stato un capolavoro. Non dimentichiamo che siamo nell'anno del Covid e della pandemia, le difficoltà aumentavano e lottare giocando ogni tre giorni non è roba da poco. Lecce e Monza hanno lasciato qualcosa, la Salernitana no ed è stata premiata per questo. La testa ha fatto la differenza, è tutto meritatissimo e bisogna applaudire gli artefici di questa cavalcata. Un pensiero al mio amico Marco Mezzaroma, persona che stimo tanto e che ha vinto alla grande". Parla così Angelo Gregucci, ex allenatore granata, ai microfoni di TuttoSalernitana nel corso della trasmissione SeiGranata. Il mister prosegue: "Le regole ci sono e vanno rispettate, ci sarà un passaggio di consegne con una nuova proprietà. Mi sento di dire che ora è doveroso festeggiare, poi in trenta giorni le cose si aggiusteranno ma su questo non ci sono mai stati dubbi. Arriverà una proprietà ambiziosa, consapevole di rappresentare una piazza fantastica che, purtroppo, non ha avuto la possibilità di godersi dal vivo quest'avventura. Ma la Salernitana e l'Arechi sono un patrimonio di spessore per tutto il calcio italiano". 

Sezione: Esclusive TS / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 18:00
Autore: Luca Esposito / Twitter: @lucesp75
Vedi letture
Print