Riflessioni in corso. Niente lavori, per quelli occorrerà aspettare le significative novità attese sul piano societario per poi iniziare ad operare, eppure per il ds Angelo Fabiani e per il tecnico Fabrizio Castori è tempo di tabelle e prime liste. Tanto passa dalla conferma del gruppo che ha portato la Salernitana a scrivere una pagina storica della sua storia ultracentenaria. I nodi principali sono legati alle posizioni di Mamadou Coulibaly e Gennaro Tutino. Sul mediano senegalese pende un riscatto da 2,5 milioni di euro per l’acquisizione del cartellino già fissato con l’Udinese lo scorso gennaio. La Salernitana starebbe ragionando sulle modalità dell’affare, conscia dell’esborso economico importante ma soprattutto dell’importanza del centrocampista nel piano tattico di Castori. Il calciatore ha sottolineato in più circostanze la volontà di voler continuare la sua esperienza in granata, bramoso però di una soluzione a stretto giro di posta considerato lo status di cedibile per l’Udinese dopo l’esperienza amara con i bianconeri nella prima parte della stagione appena andata in rassegna. Servirà tempo invece per Gennaro Tutino. L’attaccante del Napoli, per il quale non si è materializzato l’obbligo di riscatto, tornerà alla casa madre e verrà valutato in ritiro dal neo-tecnico partenopeo Spalletti. La Salernitana resta con le antenne dritte, pronta a piazzare il colpo assecondando la volontà del calciatore di provare a difendere la serie A conquistata a suon di gol. Un affare possibile solo a cifre al ribasso rispetto ai cinque milioni pattuiti la scorsa estate.

Da scrivere anche il futuro di Milan Djuric: nei giorni scorsi c’è stato un primo contatto fra la dirigenza granata e l’entourage del calciatore, in scadenza nel giugno 2022. Djuric vorrebbe continuare la sua esperienza in Campania e sarebbe disposto a prolungare il matrimonio: si deciderà nelle prossime settimane. Anche perché l’attacco è uno dei reparti maggiormente pronti al restyling. In attesa di delineare anche il futuro di Gondo, disposto al ritorno ma con la Salernitana che dovrà acquisire dalla Lazio il cartellino dell’ivoriano, la fiera dei sogni porta il nome del gigante nigeriano Simy. La stella del Crotone è ambita però in serie A e Premier League, con base d’asta sui 7 milioni di euro. Castori gradirebbe anche uno fra Inglese e Lasagna, il primo alle prese con la delusione di Parma mentre il secondo è reduce dall’annata opaca di Verona, mentre Coda è la pista suggestiva e romantica. Fa gola anche il brianzolo Dany Mota Carvalho, protagonista nella rincorsa del suo Portogallo all’Europeo Under 21. A centrocampo, al primo posto ci sono i babies Frattesi e Colpani, pilastri del Monza ma ora ritornati il primo al Sassuolo e il secondo all’Atalanta. Per dare equilibrio ed esperienza restano sullo sfondo le ipotesi Molina del Crotone e Hetemaj, in scadenza con il Benevento. Fondamentale sarà anche irrobustire il pacchetto arretrato con profili di caratura. Gli indizi portano ai profili di Gagliolo, Caldirola e Letizia. Per i primi due c’è voglia di cancellare le amare retrocessioni con Parma e Benevento. Stessa musica anche per Letizia, pupillo però di Castori sin dai tempi di Carpi. L’esterno mancino darebbe qualità sulle fasce, con mister Fabrizio Castori che spera di poter ripartire anche da Jaroszynski e Casasola. Il polacco dirà addio al Genoa e spera in un’offensiva della Salernitana per un trasferimento a titolo definitivo. L’argentino invece verrà riconfermato in prestito dalla Lazio. Dal club biancoceleste si spingerà anche per le riconferme di Adamonis, Andrè Anderson e Cicerelli.

Sezione: Mercato / Data: Dom 06 giugno 2021 alle 20:30 / Fonte: La Città
Autore: TS Redazione
Vedi letture
Print