Ultime cinque partite di una stagione che può riservarci ancora tante sorprese. Ed il terzo posto attuale un classifica di questa Salernitana è un biglietto da visita importante anche perchè il secondo posto non è distante (un sol punto dal Lecce anche se per gli scontri diretti a favore dei salentini i punti sono due) e si sa bene che quando un campionato è in dirittura d'arrivo le forze si moltiplicano. Lo sta facendo benissimo la squadra di Fabrizio Castori che è sempre appiccicata alle due di testa ed ha messo in fila squadre come Venezia, Monza, Spal che forse erano più accreditate alla partenza della truppa granata. Ma si sa bene che ogni pronostico può essere disatteso come è accaduto e la squadra che ha più forza nelle gambe può emergere mettendo in fila tutte le altre. E la squadra granata fa parte della pattuglia con l'Empoli che si sta isolando in testa alla classifica e dovrebbe tagliare per primo il traguardo del primo posto con vista subito nella massima serie. La seconda piazza, appetibile, potrebbe essere una questione tra Lecce, Salernitana, forse Venezia che si daranno battaglia per arrivare in serie A senza passare attraverso il codicillo dei play off promozione. La concentrazione deve essere solo sulla Salernitana che con due gare interne contro Venezia e Monza ha la possibilità, in caso di risultati positivi, di riportarsi in seconda posizione. Calcoli alla mano, 15 punti a disposizione ne mancherebbero ai 57 attuali dei granata 13 punti. E con 70 punti si va subito in serie A. Ecco perchè le prossime due gare saranno di fondamentale importanza. Lo slancio sarebbe enorme con il primo risultato positivo sabato contro il Venezia. E' difficile, va detto, ma questa Salernitana che ci ha abituati a metter fuori gli artigli quando ce n'è bisogno dovrà fare di necessità virtù, credere nelle proprie forze, cercare come ha fatto nel corso di questa stagione di arrivare al massimo traguardo con la consapevolezza di avere le qualità necessarie per non lasciare nulla di intentato....

Sezione: Editoriale / Data: Mer 14 aprile 2021 alle 11:08
Autore: Enzo Sica
Vedi letture
Print