In queste primissime settimane di campionato possiamo notare che tante squadre stanno andando incontro ad infortuni piuttosto seri. Roma, Juventus e Monza, tanto per fare un esempio, sono state costrette a tornare sul mercato per sopperire alla lunga assenza di calciatori anche di un certo livello e titolari quasi inamovibili. La Salernitana, ahinoi, non fa accezione ma qui il problema è diventato cronico e si continua a convivere con l'emergenza. Qualche settimana fa fu il direttore sportivo Morgan De Sanctis a confrontarsi con lo staff tecnico e atletico rispetto ai tanti infortuni muscolari, ora tiene banco il caso Radovanovic e patron Iervolino ha intenzione di andare in fondo a questa storia. Chi ha autorizzato il rientro in campo di un giocatore che, evidentemente, non era pronto? Poteva essere evitata questa lesione muscolare che lo terrà fermo per almeno un mese? Ci sono responsabilità o è solo sfortuna? "Zero alibi per tutti" disse il ds nell'ultima conferenza stampa, la sensazione è che la proprietà tenga viva ogni ipotesi nell'interesse esclusivo della Salernitana. Ciò che preoccupa non sono soltanto gli infortuni in sé, quanto le costanti ricadute. E' successo già con Mamadou Coulibaly e Ruggeri, senza parlare dei tanti problemi di Ribery e di altri calciatori che, però, nelle loro nuove squadre sono scesi in campo senza problemi. Toccherà anche a Nicola, nella prossima conferenza stampa, fornire alcune spiegazioni.

Sezione: Esclusive TS / Data: Mer 24 agosto 2022 alle 15:30
Autore: Gaetano Ferraiuolo
vedi letture
Print