Intervistato dalla redazione di TuttoSalernitana, il centrocampista del Cosenza Luca Crecco ha presentato così la sfida in programma sabato pomeriggio all'Arechi contro la Salernitana del suo ex presidente Claudio Lotito:

Che partita dobbiamo aspettarci, a maggior ragione dopo le polemiche dell'andata?

"Non stiamo vivendo un buon momento, soprattutto sul piano dei risultati. Col Frosinone non abbiamo fatto una cattiva prestazione, purtroppo abbiamo commesso degli sbagli e li abbiamo pagati a caro prezzo. A Salerno sarà una partita importantissima, ci saranno delle assenze ma chi scenderà in campo si farà trovare pronto".

Conosci benissimo Lotito, che opinione hai?

"Ho un ottimo ricordo del presidente e ho speso sempre parole d'elogio nei suoi confronti. Siamo andati d'accordo durante l'esperienza alla Lazio, sa fare bene il suo mestiere".

E' vero che fosti vicino alla Salernitana e come commenti l'ostilità del pubblico granata nei confronti dei laziali? Il famoso discorso della succursale...

"Dopo l'annata di Terni dovevo firmare per la Salernitana, però non si è concretizzata la trattativa e ho fatto una scelta diversa. Non so rispondere alla seconda parte della domanda, ma posso capire il pensiero dei tifosi granata: è riduttivo, però, parlare di scarti laziali prestati alla Salernitana, siamo professionisti e diamo il massimo in qualunque piazza".

Come mai il Cosenza fa meglio fuori che in casa?

"Siamo dispiaciuti perchè vinciamo pochissimo tra le mura amiche, ma gli stadi sono chiusi e, senza il calore della gente, non si avverte questa differenza tra casa e trasferta. Siamo convinti che la salvezza passi dalle sfide interne, ma ovviamente non ci tireremo indietro nemmeno a Salerno".

C'è qualche giocatore della Salernitana che preferiresti avere dalla tua parte?

"Non cambierei nessuno dei nostri giocatori con quelli dell'avversario, siamo una squadra veramente forte e usciremo da questa situazione. Magari partendo da una vittoria a Salerno".

Sezione: Esclusive TS / Data: Mer 10 marzo 2021 alle 19:00
Autore: Gaetano Ferraiuolo
Vedi letture
Print