SERIE B - La Top 11 della trentesima giornata

Modulo 3-4-3
27.06.2020 17:30 di Davide Maddaluno   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
SERIE B - La Top 11 della trentesima giornata

Primo, inedito, turno completo di venerdì per la Serie B post Covid. Il trentesimo turno rimanda al prossimo l'aritmetica promozione in A del Benevento ma soprattutto apre nuovi scenari in coda a seguito delle vittorie di Livorno, Trapani e Cosenza. Scialba prestazione della Salernitana che cede in Liguria ma resta in piena bagarre play-off. Andiamo, dunque, a scoprire la Top 11 di giornata schierata con il 3-4-3:

PALEARI (Cittadella): Dopo una prima frazione di ordinaria amministrazione, nella ripresa si traveste da Spiderman e toglie dalle ragnatele tre conclusioni destinate a rete. Miracoloso

BENEDETTI (Cittadella): I suoi spioventi sono uno dei fattori più dirompenti della serata. Fonte di gioco del Cittadella, che si appoggia spesso e volentieri a lui per provare a scardinare la difesa frusinate. Suo l'assist per il raddoppio di Luppi.

STRANDBERG (Trapani): Che sorpresa il norvegese. Domina nelle retrovie, mette lo zampino nel goal del raddoppio. 

CASASOLA (Cosenza): Guarda chi si rivede. Fa il bello e il cattivo tempo sulla fascia destra. Offre a Baez un cross perfetto in occasione del raddoppio.

MAZZITELLI (Virtus Entella): Calciatore di livello assoluto per la categoria, gli mancava soltanto il gol e l'ha trovato in apertura di ripresa con un inserimento perfetto.

IORI (Cittadella): Metronomo imprensindibile per la manovra dei veneti, detta legge in mediana. Poco prima dell'intervallo insacca con freddezza su calcio di rigore, portando avanti i suoi.

BARTOLOMEI (Spezia): Prova molto positiva per il regista ligure, che imposta con precisione diverse azioni e risulta determinante anche negli ultimi metri. Sua la punizione che dà il là alla rimonta dello Spezia.

FIRENZE (Venezia): Convincente performance dell'ex granata che con un calcio di punizione trasformato magistralmente regala la vittoria al Venezia.

DIAW (Cittadella): Prorompente, specie nel primo tempo: adopera sapientemente il fisico, gioca di sponda e moltiplica le soluzioni davanti. Sul penalty è impresso il suo marchio: devastante nel girarsi su Krajnc, scaltro nel dribbling che induce Bardi al fallo da rigore.

GALABINOV (Spezia): Prestazione totale da parte del centravanti. Dopo una prima frazione di gioco passata a servire i compagni con sponde intelligenti, nel secondo tempo si scatena e trascina i suoi alla vittoria con una sontuosa tripletta.

PETTINARI (Trapani): Trascina il Trapani ad un successo importante in ottica salvezza, ritrovato.