SERIE B - La Top 11 della trentaduesima giornata

Modulo 3-5-2
04.07.2020 17:30 di Davide Maddaluno   Vedi letture
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com
SERIE B - La Top 11 della trentaduesima giornata

Friday night non senza sorprese in Serie B. Il Benevento è ancora in festa e si fa travolgere dall'onda d'urto Crotone. Giornata di redenzioni: il Frosinone torna al successo piegando lo Spezia mentre la Salernitana non si fa pungere dalle vespe nel derby ed inguaia i gialloneri di Caserta. Importantissimo successo dell'Ascoli, bene anche la Cremonese. Andiamo, dunque, a scoprire la Top 11 di giornata schierata con un 3-5-2:

LEALI (Ascoli): Risponde presente alla sollecitazioni avversarie, tiene a bada uno degli attacci più in forma post lockdown come quello cosentino.

RIGIONE (Chievo Verona): Dopo un addio difficoltoso ha il merito di recuperare prestazione individuale e collettiva. Il goal del pari è un mix di opportunismo e fortuna.

SZYMINSKI (Frosinone): Si incolla a Galabinov per tutta la partita e gli sbarra la strada in più di un'occasione. Ostacolo difficilissimo da superare.

BARISON (Pordenone): La scivolata pulitissima su Iemmello lanciato a rete vale quasi quanto un gol. Controlla bene anche Melchiorri, ma si vede costretto ad alzare bandiera bianca per un fastidio fisico.

PAGANINI (Frosinone): Segna un gol di un'importanza assoluta per il Frosinone. Modo perfetto di festeggiare la presenza numero 200 da professionista.

GERBO (Crotone): Una freccia sulla corsia di destra. Sono suoi due assist per altrettanti gol di Simy.

ZURKOWSKI (Empoli): Buoni spunti, tanto movimento ed uno strapotere fisico che emerge in occasione del contropiede del 2-0. Lezzerini gli nega la gioia del gol.

AKPA AKPRO (Salernitana): Sblocca la gara con un grande gol, che dimostrano tutte le sue qualità da categoria superiore. E’ un uomo ovunque e serve a Gondo il pallone del raddoppio.

DALMONTE (Trapani): Ottima coordinazione e grande precisione col sinistro al volo, verso il secondo palo, per il gol che regala ai siciliani un altro grande passo verso l'obiettivo salvezza. E per giunta da subentrato.

CIURRIA (Pordenone): Una girata al volo da manuale per il raddoppio dei Ramarri. Cerca di impegnare per quanto possibile i difensori avversari, anche se nel primo tempo il Pordenone sale raramente oltre la trequarti del Perugia. Nella ripresa sfiora nuovamente il gol ma la deviazione di Rosi gli nega la doppietta.

SIMY (Crotone): Un uno-due micidiale per l’attaccante del Crotone nel primo tempo. Un gol di testa, specialità della casa, e un altro alla “Lukaku” sfruttando il suo fisico possente. Nella ripresa firma la sua tripletta portandosi a casa il pallone.