SERIE B - La Top 11 della decima giornata

Modulo 4-3-3
31.10.2019 17:30 di Davide Maddaluno   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
SERIE B - La Top 11 della decima giornata

La sonante affermazione del Benevento, unita a quella del Frosinone, nei due posticipi del mercoledì ha chiuso la decima giornata del campionato cadetto. Equilibrio in vetta e in coda, con tante squadre risucchiate in pochi punti. Andiamo a riproporre la Top 11 del turno infrasettimanale elaborata grazie ai voti delle singole gare attribuiti da TuttoMercatoWeb.com:

VICARIO (Perugia): Prestazione più che positiva, diverse parate decisive come quella su Brosco a colpo sicuro il pareggio dei suoi porta in calce la sua firma.

LEVERBE (Chievo): Conferma la sua crescita. Bene anche in impostazione.

MAIETTA (Empoli): Si fa saltare una volta da Ricci nel primo tempo, poi chiude la sua via. Il gol del pareggio nasce da un suo recupero palla nella metà campo avversaria.

POLI (Virtus Entella): Il match winner che non t'aspetti: comanda la difesa con leadership, di rado sbaglia il timing dell'intervento e la decide con un colpo di testa perentorio, sul gran pallone di Eramo. Terzo tempo che segna il ritorno alla vittoria della squadra di Boscaglia.

DE AGOSTINI (Pordenone): Il capitano non molla mai e suona la carica nella ripresa. Bravo e caparbio in occasione del gol del pareggio.

FRATTESI (Empoli): Interpreta il ruolo di intermedio nel miglior modo possibile. Attacca sempre lo spazio e chiude le azioni sul secondo palo: su una di queste trova il gol del definitivo pareggio dell'Empoli.

RICCI M. (Spezia): Prestazione molto positiva. Nonostante la pressione costante di Dezi, si fa trovare sempre in zona luce per giocare la palla. Determinante con alcune chiusure nella propria area di rigore.

DI QUINZIO (Pisa): Dopo appena sei minuti dipinge su punizione una traiettoria imprendibile per Micai, aprendo le marcature. Grande inoltre il suo lavoro sulla corsia mancina, dove aiuta costantemente Lisi sia in avanti che in copertura.

CANOTTO (Juve Stabia): Grande corsa nelle ripartenze e la firma su questo 2-1 con un gol pregevole.

CODA (Benevento): Dopo un primo tempo in affanno, sale in cattedra e torna determinante. Prima un’azione splendida con sponda da applausi per Tello, poi la rete del vantaggio da posizione difficile, infine l’assist intelligentissimo per Improta.

CIANO (Frosinone): E’ suo il gol che anima il Benito Stirpe dopo 37 secondi di gioco, dove è bravo a sfruttare lo spazio concesso sul primo palo. Carnesecchi lo ipnotizza sul penalty, ma lui è lesto sulla ribattuta. La punizione che gli regala la tripletta è un capolavoro. One man show.